Sabato 14 dicembre presso Palazzo Moroni si è tenuto l’incontro “NOI: LE PERSONE, I LUOGHI E L’AGENDA di PADOVA CAPITALE EUROPEA DEL VOLONTARIATO 2020”, organizzato al fine di festeggiare il passaggio di consegne tra capitali europee avvenuto lo scorso 9 dicembre.

Nel corso della mattinata sono intervenuti diversi attori coinvolti sia nei lavori di preparazione sia nella realizzazione delle attività previste per l’anno che verrà.

Per primo, c’è stato l’intervento del Vicesindaco di Padova, Arturo Lorenzoni, il quale ha sottolineato la necessità di mostrare l’anima migliore della città e il percorso di crescita nell’impegno solidale che questa ha visto negli ultimi anni, soprattutto grazie alla partecipazione dei più giovani.

A seguito, Guido Barbieri della Fondazione Cariparo ha parlato di come in questo nuovo anno sia cruciale dare spazio alle organizzazioni di volontariato più piccole e non solo a quelle grandi.

Anche il Sindaco di Padova, Sergio Giordani, è intervenuto per ringraziare i volontari, sottolineando come questo premio sia merito del contributo di tutti, e mostrando il vessillo affidato dalla precedente capitale, Kosice, a Padova: un icona di Santa Elisabetta d’Ungheria, patrona della carità devota ai più poveri.

Cristina Piva, Assessore al Volontariato, ha invece voluto focalizzare il suo intervento sul bisogno di rinforzare la fiducia nelle persone come un trampolino di lancio per nuovi sviluppi della comunità.

Infine, sono intervenuti il Presidente e il Direttore del CSV, Emanuele Alecci e Niccolò Gennaro, i quali hanno voluto far luce su Padova Capitale come una grande opportunità per contribuire a ricucire il paese attraverso i valori che il volontariato promuove.

Noi di Kito vogliamo partecipare a questa missione, ed è per questo che saremo Ambasciatori di Padova Capitale del Volontariato 2020.

Tag:, , , Last modified: 31/01/2020