Definizione

Generatività, sempre di più sentiamo parlare di questo termine, è un concetto nuovo, emerso da poco che sta prendendo sempre più piede nella nostra società.

Ma di che cosa si tratta esattamente? “La generatività sociale è un nuovo modo di pensare e di agire personale e collettivo. Essa esprime la possibilità di un tipo di azione socialmente orientata, creativa, connettiva, produttiva e responsabile, capace di impattare positivamente sulle forme del produrre, dell’innovare, dell’abitare, del prendersi cura, dell’organizzare, dell’investire, immettendovi nuova vita”.

Sticker arbre spirale papillon - Color-stickers

Il termine generatività viene da generare, un concetto che a sua volta è espressione di quell’energia interna che stimola le persone ad aprirsi al mondo e agli altri, in questo modo esse possono agire efficacemente e contribuire creativamente a ciò che le circonda. Generatività si basa sull’idea di dotare individui e gruppi di nuove capacità per agire e partecipare, migliorando l’ambiente e responsabilizzando la collettività, contribuendo positivamente e consapevolmente al mutamento culturale.

Le organizzazioni generative investono quindi in nuove infrastrutture sociali e rigenerano beni comuni, identità collettive, capacità individuali, forme sostenibili di lavoro e produzione. Da questo punto di vista, le organizzazioni generative sono capaci di rispondere in modo creativo, positivo e produttivo ai bisogni degli esseri umani contemporanei. Parlare di generatività sociale significa quindi parlare di nuove forme di vita insieme che mettono le persone al centro.

Inoltre, l’empowerment di individui affinché agiscano in comunità è qui profondamente intrecciato con il concetto di sostenibilità. Difatti, al di là del lato economico, c’è una dimensione ambientale, legata alla responsabilità verso la giustizia sociale, la promozione di beni comuni come la salute, l’educazione, l’impiego, la cultura e l’arte. La rigenerazione è quindi strumentale a quella ambientale con finalità umana.

Le dimensioni della generatività

Le dimensioni della generatività sono:

  1. Intertemporalità, la dimensione temporale, ovvero l’effetto di durata dell’impresa generativa nel tempo (durevolezza).
  2. Intersoggettività, la dimensione relazionale, ovvero la capacità di mobilitare e coinvolgere altri a prendere parte e proseguire l’iniziativa generativa (autorizzazione).
  3. Contestualità, la dimensione contestuale, ovvero la capacità di ispirare nuove iniziative e a stimolare il cambiamento del contesto circostante (esemplarità).

La generatività sociale attiva quindi un movimento che si prolunga nel tempo (intertemporalità), si allarga nello spazio (esemplarità) e si estende ad altri (intersoggettività). Il modo di avanzare di questo tipo di azione non è dunque quello della linea diretta, ma quello di una spirale che si produce nella forma di una ricerca continua. In questo modo, l’azione sociale generativa tende a creare relazioni sociali dinamiche, aperte al cambiamento, sostenibili, plurali e intergenerazionali.

Città generative

Un esempio di come la generatività sociale si concretizza è attraverso la trasformazione stessa delle città in luoghi generativi. Una città per diventare generativa deve anche essere creativa e inclusiva. Per ottenere una città generativa è necessario considerare le condizioni delle persone, delle istituzioni, dei luoghi, delle disposizioni spaziali che fanno emergere nella città disposizioni generative.

Secondo Tommaso Vitale, Professore di Sociologia presso SciencesPO, vi sono sei elementi che contraddistinguono le città generative:

  1. Situazioni in cui il contesto è duro, di violenza, in cui la pacificazione, la forza legittima e la giustizia penale non bastano, non c’è margine per innovare servizi, non si ricava con l’innovazione sociale.

Le esperienze generative sono quelle in cui i cittadini si radicano nei luoghi e lì vogliono produrre per creare alternative. Significa produrre opportunità, generando. Quindi una città generativa è una città dura ma capace radicare gruppi, associazioni, luoghi di aggregazione.

  1. Luoghi in cui emergono, si designano scenari di futuro, città che permettono a cittadini di collocarsi in vista di scenari possibili.
  2. Città in cui esistono servizi collettivi di formazione e aggiornamento professionale.
  3. Luoghi in cui vi è capacità di dialogo e accordi con il credito locale.
  4. Città in cui è possibile stabilire impegni e accordi con la stampa locale per stabilire fiducia, un nesso tra segni e simboli. In questo modo la comunicazione non passa attraverso solamente in chiave informativa ma anche in chiave dialogica ed espositiva.
  5. Luoghi in cui l’amministrazione aiuta a fare maratone non sprint, vi è bisogno di sinergia di contesto, di una mobilità sostenibile ad esempio.

Una città generativa offre quindi luoghi di ricomposizione, mettendo al centro l’uomo e le relazioni sociali. È una città dove ci sono diversi centri con processi di contribuzione celebrati e ringraziati da parte di associazioni e cittadini.

Conclusioni

Una società generativa è desiderabile non solo socialmente, ma anche economicamente. Difatti, identificando nuovi modi di concepire la realizzazione di sé e di fare organizzazione, essa permette di riconoscere possibilità di futuro che altrimenti rimarrebbero inaccessibili, andando oltre l’immaginario consumistico.

È necessario un ripensamento dei paradigmi su cui si basa la società per ottenere organizzazioni generative diffuse su tutto il territorio, lavorando su processi continui e non su non progetti a breve termine.

La generatività presuppone che tante comunità in movimento, tante oasi di cambiamento, debbano unirsi insieme e diventare una carovana. È fondamentale far incontrare, mettere in movimento e in comunicazione chi è consapevole che una transizione verso una società generativa sia doverosa per rispondere alle nuove sfide del nostro millennio, sia in ambito ecologico, che sociale e organizzativo.

Riferimenti

Conferenza “TRANSIZIONI, imparare a muoversi in un nuovo ambiente”. Padova, 23 novembre 2019.

Generatività.it. 27 novembre 2019. http://generativita.it/it/.

Tag:, Last modified: 06/12/2019